Hilterapia

field_blog_picture: 

L’Hilterapia è l’ultima evoluzione nel campo della laserterapia ad alta potenza a sorgente Neodimio YAG. Questa tipologia di laser è stata introdotta a partire dagli anni ’90 e da subito ha rappresentato una grande innovazione nel campo della fisioterapia. La caratteristica principale delle prime apparecchiature era la capacità di penetrare in profondità limitando, per quanto possibile, le dispersioni energetiche; ma allo stesso tempo aveva e ha tuttora un grosso limite caratterizzato dalla tipologia d’emissione che risultava essere di tipo continuo.
Questo comportava l’interruzione del trattamento perché la cute cominciava a “scottare”; molto spesso quindi non si riusciva a trattare in maniera efficace la patologia di tipo “profondo”
Il laser ideale dovrebbe, infatti, garantire elevati contenuti energetici ed impulsi molto brevi per poter produrre un effetto benefico e soprattutto duraturo; Hilterapia si basa appunto su questi principi. Grazie ad un innovativo impulso HILT (High Intensity Laser Therapy) di tipo pulsato e non continuo questa laserterapia riesce a produrre, in totale sicurezza, elevate intensità di potenza (15000 w/cm2) non raggiungibili da altre tecnologie laser che consentono di curare anche le lesioni croniche più profonde sia a livello tissutale che articolare; questo perché, a differenza degli altri laser utilizzati in campo fisioterapico, non ha dispersioni energetiche.
Regolando i parametri dell’impulso è possibile distribuire la massima quantità di energia ad ogni piano tissutale, ne deriva che tutta l’energia prodotta raggiunge “l’obiettivo” anche nei piani più profondi.
Hilterapia è ideale per il trattamento delle patologie dolorose dell’apparato muscolare ed osteo-articolare dalle più superficiali alle più profonde perché è in grado di ottenere, in poco tempo e con effetti prolungati, un‘efficace azione antinfiammatoria, antiedemigena, antidolorifica e miorilassante.
L’effetto antinfiammatorio e antiedemigeno della sorgente laser determina un aumento del sangue (iperemia) aumentando il calibro dei vasi linfatici, dei capillari e la loro permeabilità. Questa vasodilatazione incrementa l’ossigenazione del sangue e l’apporto di sostanze nutritizie ai tessuti lesi, velocizzando così i processi riparativi; favorendo inoltre il riassorbimento di versamenti post-traumatici e post-chirurgici.
L’impulso HILT produce uno spiccato effetto analgesico e miorilassante tramite il calore che favorisce il drenaggio delle sostanze algogene responsabili dello stimolo doloroso; incrementando, inoltre, la produzione di sostanze come le endorfine che hanno un’importante azione antalgica.
Studi clinici hanno dimostrato che nelle patologie croniche come gli stati artrosici o le tendinopatie inserzionali calcifiche è necessario erogare una grande quantità di energia in breve tempo per ottenere una risposta biologica dei tessuti trattati. Ciò è reso possibile con l’impulso HILT in quanto è in grado di produrre picchi d’energia elevatissimi in brevissimi intervalli di tempo, grazie alla caratteristica emissione pulsata e non continua del laser.
Tale peculiarità diventa importante per più aspetti: innanzitutto il paziente non avverte dolore o bruciore a livello epidermico, in secondo luogo, non avvertendo questa sensazione di “bruciore” sulla pelle (piani superficiali), è possibile continuare il trattamento e penetrare più in profondità di altri laser ad alta potenza avendo cosi un potente effetto biostimolante.

Questi picchi di potenza producono a livello dei tessuti stress meccanici che appunto ”stimolano” il tessuto leso al processo riparativo, in particolare quello cartilagineo.
Proprio per queste caratteristiche Hilterapia è considerata una terapia conservativa elettiva in quadri degenerativi articolari come ad esempio la gonartrosi e in generale in tutte le patologie su base degenerativa.
Questa particolare tecnologia rappresenta la soluzione ideale per recuperare efficacemente, e in tempi brevi, la funzionalità compromessa da un intervento chirurgico, da un trauma o da una frattura e poter riacquistare una buona qualità di vita; essendo così incredibilmente efficace sul sintomo doloroso e sulla mobilità articolare già dalla prima seduta, consentendo di intraprendere subito il percorso riabilitativo.

I campi d’applicazione sono innumerevoli: dalla mera risoluzione delle contratture muscolari più profonde, alla risoluzione di patologie più croniche ove vi sia una marcata riduzione della mobilità articolare come ad esempio la capsulite adesiva di spalla, più conosciuta come “spalla congelata”; oppure il trattamento di tutte le patologie discali che affliggono la colonna vertebrale ( discopatie, stati erniari).
Il trattamento con Hilterapia è utilizzato inoltre per gestire gli stati post- operatori come ad esempio la ricostruzione biologica del legamento crociato anteriore o la sutura della cuffia dei rotatori di spalla eliminando il dolore e la rigidità in breve tempo consentendo di intraprendere prima il programma riabilitativo accorciando cosi i tempi di recupero.
Hilterapia è particolarmente indicata per

Artrosi e processi degenerativi
Borsiti, sinoviti, epicondiliti, sindromi da conflitto di spalla
Tendinopatie e tenosinoviti
Edemi ed ematomi da trauma
Patologie post-traumatiche o da sovraccarico
Cervicalgie, lombalgie e lomboscialtalgie
Sindromi retto-adduttorie (pubalgia), distorsioni articolari, entesiti e condropatie rotulee molto frequenti in traumatologia sportiva.

Uno dei settori in cui Hilterapia è più usata è appunto la traumatologia sportiva dove è oramai necessario accorciare i tempi di recupero per poter tornare al più presto alla pratica sportiva.
Viene, infatti, usata da molte società professionistiche e, ad esempio, dalla Clinica Mobile che segue il motomondiale dove le tempistiche di recupero hanno un importanza fondamentale.
Oggi questa tecnologia innovativa è al servizio di tutti gli appassionati di sport che possono ridurre i tempi di guarigione di tutte quelle piccole problematiche che affliggono gli “atleti” di tutte le discipline e categorie.
Sportclinic, come centro specializzato Hilterapia, pone alla base di ogni progetto riabilitativo l’utilizzo di questa nuova metodica terapeutica che viene però, ove necessario, sempre affiancata dall’esercizio e dalla terapia manuale proprio per correggere e mantenere i risultati ottenuti gestendo la patologia a 360° e non solo gli aspetti sintomatici.